Le indagini svolte nell’area costiera dell’antica colonia romana di Sinuessa (Campania settentrionale) hanno permesso di individuare numerosi manufatti cubici (pilae), strutture marittime d’epoca romana in conglomerato cementizio, sommersi ad 8 m di profondità ed a circa 650 m dalla costa. Spiagge fossili e morfologie accessorie, modellate nel banco tufaceo che accoglie le pilae, alla stessa profondità suggeriscono che la zona in età romana era emersa e frequentata dall’uomo. Un canale sommerso vicino alle pilae, con fisiografia sinuosa che avrebbe favorito la scelta del sito per l’approdo perché ridossato dalle mareggiate, consentiva probabilmente il transito e la manovra di navi romane. La scoperta sui fondali di una grande marra di piombo di un’ancora, di centinaia di anfore e di una depressione circolare da ascrivere all’estrazione di una macina, confermerebbe l’ipotesi. La profondità di sommersione dell’area ha consentito anche di calcolare importanti tassi dei moti verticali del suolo negli ultimi 1.700 anni. Le indagini multidisciplinari svolte hanno consentito di definire le strategie d’intervento e di gestione integrata di quest’area.

Sinuessa, un approdo sommerso di epoca romana. Archeologia, geomorfologia costiera, strategie sostenibili di valorizzazione

Trocciola, Alfredo
2017-02

Abstract

Le indagini svolte nell’area costiera dell’antica colonia romana di Sinuessa (Campania settentrionale) hanno permesso di individuare numerosi manufatti cubici (pilae), strutture marittime d’epoca romana in conglomerato cementizio, sommersi ad 8 m di profondità ed a circa 650 m dalla costa. Spiagge fossili e morfologie accessorie, modellate nel banco tufaceo che accoglie le pilae, alla stessa profondità suggeriscono che la zona in età romana era emersa e frequentata dall’uomo. Un canale sommerso vicino alle pilae, con fisiografia sinuosa che avrebbe favorito la scelta del sito per l’approdo perché ridossato dalle mareggiate, consentiva probabilmente il transito e la manovra di navi romane. La scoperta sui fondali di una grande marra di piombo di un’ancora, di centinaia di anfore e di una depressione circolare da ascrivere all’estrazione di una macina, confermerebbe l’ipotesi. La profondità di sommersione dell’area ha consentito anche di calcolare importanti tassi dei moti verticali del suolo negli ultimi 1.700 anni. Le indagini multidisciplinari svolte hanno consentito di definire le strategie d’intervento e di gestione integrata di quest’area.
978-88-8286-340-1
Sistema costiero;Sito archeologico sommerso di Sinuessa;Patrimonio culturale subacqueo
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
V2017_Sinuessa.pdf

accesso aperto

Licenza: Creative commons
Dimensione 13.06 MB
Formato Adobe PDF
13.06 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.12079/5150
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
social impact