Nella prospettiva di avviare attività sperimentali di ricerca nell'ambito dei reattori di IV generazione refrigerati a sodio, si è effettuato uno studio di fattibilità di un impianto a sodio di piccola taglia finalizzato a prove di shock termico su materiali di interesse per futuri reattori. Particolare attenzione si è posta alla semplicità di conduzione dell'impianto, in quanto una delle sue principali finalità dovrebbe essere un graduale riavvicinamento agli aspetti peculiari della gestione di impianti a sodio, con la conseguente ricostruzione di competenze nello specifico settore: pertanto ci si è orientati verso una facility di ridotte dimensioni, con un contenuto di sodio limitato a circa 60 kg. Il documento riporta sia il contributo ENEA, che ha prodotto le specifiche di dettaglio dell'impianto con riferimento alle precedenti esperienze del CNEN/ENEA ed in particolare al progetto PRM/CBR (cosiddetto "progetto Brasile", 1983), sia la successiva elaborazione di CIRTEN (UNIROMA1) che ha effettuato la progettazione di massima

Studio di fattibilità per un impianto a sodio per shock termici e ratchetting sui materiali

2011

Abstract

Nella prospettiva di avviare attività sperimentali di ricerca nell'ambito dei reattori di IV generazione refrigerati a sodio, si è effettuato uno studio di fattibilità di un impianto a sodio di piccola taglia finalizzato a prove di shock termico su materiali di interesse per futuri reattori. Particolare attenzione si è posta alla semplicità di conduzione dell'impianto, in quanto una delle sue principali finalità dovrebbe essere un graduale riavvicinamento agli aspetti peculiari della gestione di impianti a sodio, con la conseguente ricostruzione di competenze nello specifico settore: pertanto ci si è orientati verso una facility di ridotte dimensioni, con un contenuto di sodio limitato a circa 60 kg. Il documento riporta sia il contributo ENEA, che ha prodotto le specifiche di dettaglio dell'impianto con riferimento alle precedenti esperienze del CNEN/ENEA ed in particolare al progetto PRM/CBR (cosiddetto "progetto Brasile", 1983), sia la successiva elaborazione di CIRTEN (UNIROMA1) che ha effettuato la progettazione di massima
Rapporto tecnico;Ingegneria nucleare;Tecnologia dei reattori nucleari;Tecnologia dei metalli liquidi
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
NNFISS-LP3-028.pdf

accesso aperto

Licenza: Creative commons
Dimensione 4.38 MB
Formato Adobe PDF
4.38 MB Adobe PDF Visualizza/Apri
RdS-2011-093 Frontespizio.pdf.pdf

accesso aperto

Licenza: Creative commons
Dimensione 201.29 kB
Formato Adobe PDF
201.29 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/20.500.12079/5498
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
social impact