La normativa EN richiede che il biodiesel soddisfi determinate specifiche tecniche per poter essere immesso sul mercato. Tra i requisiti alcuni (ad esempio il contenuto di gliceridi, di metalli e acqua) dipendono dal tipo di processo impiegato, altri dipendono prevalentemente dalla composizione chimica dell’olio di partenza (densità, viscosità, numero di cetano e numero di iodio). In questo lavoro sono stati raccolti dati chimico-fisici di 80 oli vegetali, di differente tipo, per studiare la variazione delle proprietà in relazione alla composizione. L’analisi dei dati ha consentito di esprimere le proprietà chimico-fisiche in funzione di due sole variabili: numero medio di atomi di carbonio presenti negli acidi grassi e numero medio di doppi legami per acido grasso. Le variabili dipendenti, quali la viscosità cinematica, il numero di iodio, la densità e il numero di cetano, sono state espresse come funzioni di queste variabili indipendenti mediante regressioni lineari. Dalle relazioni sviluppate è stato poi ottenuto un grafico generale mediante il quale è possibile stimare la qualità del biodiesel ottenibile, una volta noti il numero la lunghezza media delle catene e il grado di insaturazione medio.

Metodo grafico semplificato per la selezione degli oli vegetali nei processi di conversione in biodiesel

E. VIOLA;F. ZIMBARDI;V. VALERIO;G. BRACCIO
2010

Abstract

La normativa EN richiede che il biodiesel soddisfi determinate specifiche tecniche per poter essere immesso sul mercato. Tra i requisiti alcuni (ad esempio il contenuto di gliceridi, di metalli e acqua) dipendono dal tipo di processo impiegato, altri dipendono prevalentemente dalla composizione chimica dell’olio di partenza (densità, viscosità, numero di cetano e numero di iodio). In questo lavoro sono stati raccolti dati chimico-fisici di 80 oli vegetali, di differente tipo, per studiare la variazione delle proprietà in relazione alla composizione. L’analisi dei dati ha consentito di esprimere le proprietà chimico-fisiche in funzione di due sole variabili: numero medio di atomi di carbonio presenti negli acidi grassi e numero medio di doppi legami per acido grasso. Le variabili dipendenti, quali la viscosità cinematica, il numero di iodio, la densità e il numero di cetano, sono state espresse come funzioni di queste variabili indipendenti mediante regressioni lineari. Dalle relazioni sviluppate è stato poi ottenuto un grafico generale mediante il quale è possibile stimare la qualità del biodiesel ottenibile, una volta noti il numero la lunghezza media delle catene e il grado di insaturazione medio.
biodiesel, olio vegetale, composizione
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.12079/60443
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
social impact