Negli ultimi anni la forte pressione allo sfruttamento tecnologico delle risorse ha fatto emergere la necessità di reperire materie prime critiche e minerali di interesse industriale. Questa esigenza collide con l’obiettivo dell’Unione Europea di consumo di suolo zero e dell’esigenza di ridurre i GHG (gas clima alteranti). Questo lavoro esamina le buone pratiche che possono essere adottate per reperire dalle discariche di cava e miniera le risorse classificate dalla UE come materie prime critiche (CRM) necessarie alla transizione ecologica e al Green Deal europeo.

Da rifiuto a risorsa

Chiara Telloli;Antonietta Rizzo;
2022

Abstract

Negli ultimi anni la forte pressione allo sfruttamento tecnologico delle risorse ha fatto emergere la necessità di reperire materie prime critiche e minerali di interesse industriale. Questa esigenza collide con l’obiettivo dell’Unione Europea di consumo di suolo zero e dell’esigenza di ridurre i GHG (gas clima alteranti). Questo lavoro esamina le buone pratiche che possono essere adottate per reperire dalle discariche di cava e miniera le risorse classificate dalla UE come materie prime critiche (CRM) necessarie alla transizione ecologica e al Green Deal europeo.
Rapporto tecnico
Materie prime critiche
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
SICNUC-P000-051.pdf

accesso aperto

Descrizione: Rapporto tecnico
Tipologia: Versione Editoriale (PDF)
Licenza: Creative commons
Dimensione 15.76 MB
Formato Adobe PDF
15.76 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/20.500.12079/64249
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
social impact