L'anamorfosi tra arte, percezione visiva e "prospettive bizzarre"