The first chapter of the work is devoted to the definition of the concepts of respectively food security and food safety, making clear the difference in the meaning of the two English words that are translated with the same Italian word "sicurezza", while indicating the one the safe consumption of food, the second, instead, the concept which will mainly be deepened in the remaining part of the work: food security, which means ensuring every individual of the human species a correct and balanced nutrition. The discussion continues framing the food safety at first inside the Millennium goals and then in the framework of the new Sustainable Development Goals (SDG), unanimously adopted recently on September 27th 2015 by the United Nations. The second SDG affirms, in fact: zero hunger, achieve food security and improve nutrition and promote sustainable agriculture. The main international institutions hosted in Italy, dealing with the different aspects both of food safety and security. From the second chapter we go into the heart of the matter, discussing the so-called food security paradoxes, that, twenty years on from the World Food Summit of 1996, are still affecting the population, especially in the poorest countries, with serious consequences to the health of the people, but also on the peace and stability of these countries. Two important concepts are then introduced: the issue of food waste and the role that food technologies can play to raise the level of food safety ant to protect the consumers. The third chapter debates some of the main themes of EXPO 2015, synthesizing and analyzing two of the so-called immaterial legacies that the Exhibition left us, in order to fight with greater determination to achieve the goal Zero Hunger. This chapter also addresses one of the central themes, which seeks to define a new approach to food security and sustainable agriculture, because of the potential dramatic effects of climate change. The final chapter deals with the issues of food sovereignty and the right to food, and the important role of food security in ensuring peace and stability internationally. The work closes with a brief reference to the important role played by Italy in the international context discussed.

Il primo capitolo del lavoro è dedicato alla definizione del concetto di sicurezza alimentare, chiarendo la differenza di significato per i due termini inglesi che vengono tradotti con la medesima parola italiana “sicurezza”, pur indicando l’uno la sicurezza d’uso, o salubrità (safety), il secondo, invece, il concetto che sarà prevalentemente approfondito nella restante parte del lavoro: la security alimentare, che significa assicurare a ciascun individuo della specie umana una corretta e bilanciata razione alimentare. La trattazione prosegue inquadrando la sicurezza alimentare prima nella cornice degli obiettivi del Millennio e poi dei nuovi Obiettivi di Sviluppo Sostenibile, recentemente adottati all’unanimità il 27 settembre del 2015 dalle Nazioni Unite. Il secondo obiettivo di sviluppo sostenibile recita infatti: porre fine alla fame, raggiungere la sicurezza alimentare e migliorare la nutrizione e promuovere l'agricoltura sostenibile. Vengono poi illustrate brevemente le principali istituzioni ospitate dall’Italia, che si occupano a vario titolo di sicurezza alimentare. Dal secondo capitolo si entra nel vivo del tema del lavoro individuale, discutendo i cosiddetti paradossi della sicurezza alimentare che, ancora, a distanza di vent’anni dal World Food Summit del 1996, affliggono la popolazione, in particolare dei paesi più poveri, con gravi conseguenze sul piano della salute degli esseri umani, ma anche sul piano della pace e stabilità. Vengono di seguito introdotti due concetti molto importanti: il tema degli sprechi alimentari ed il ruolo che le tecnologie alimentari possono giocare per la sicurezza alimentare a garanzia dei consumatori. Il terzo capitolo approfondisce le tematiche di EXPO 2015, sintetizzandole e analizzando due delle cosiddette legacy immateriali che l’Esposizione ci ha lasciato, da cui ripartire per raggiungere con maggiore determinazione l’obiettivo Fame Zero. In questo capitolo viene anche affrontato uno dei temi centrali, che cerca di definire un nuovo approccio per la food security e per un’agricoltura sostenibile, alla luce dei potenziali drammatici effetti del cambiamento climatico in atto. Il capitolo conclusivo affronta i temi della Sovranità Alimentare e del Diritto al Cibo e l’importante ruolo della sicurezza alimentare nell’assicurare la pace e la stabilità a livello internazionale. Il lavoro si chiude con un breve richiamo all’importante ruolo giocato dall’Italia nel contesto internazionale discusso.

La sicurezza alimentare. Sviluppi sul tema anche alla luce dell'EXPO 2015

Leonardi, M.
2016

Abstract

Il primo capitolo del lavoro è dedicato alla definizione del concetto di sicurezza alimentare, chiarendo la differenza di significato per i due termini inglesi che vengono tradotti con la medesima parola italiana “sicurezza”, pur indicando l’uno la sicurezza d’uso, o salubrità (safety), il secondo, invece, il concetto che sarà prevalentemente approfondito nella restante parte del lavoro: la security alimentare, che significa assicurare a ciascun individuo della specie umana una corretta e bilanciata razione alimentare. La trattazione prosegue inquadrando la sicurezza alimentare prima nella cornice degli obiettivi del Millennio e poi dei nuovi Obiettivi di Sviluppo Sostenibile, recentemente adottati all’unanimità il 27 settembre del 2015 dalle Nazioni Unite. Il secondo obiettivo di sviluppo sostenibile recita infatti: porre fine alla fame, raggiungere la sicurezza alimentare e migliorare la nutrizione e promuovere l'agricoltura sostenibile. Vengono poi illustrate brevemente le principali istituzioni ospitate dall’Italia, che si occupano a vario titolo di sicurezza alimentare. Dal secondo capitolo si entra nel vivo del tema del lavoro individuale, discutendo i cosiddetti paradossi della sicurezza alimentare che, ancora, a distanza di vent’anni dal World Food Summit del 1996, affliggono la popolazione, in particolare dei paesi più poveri, con gravi conseguenze sul piano della salute degli esseri umani, ma anche sul piano della pace e stabilità. Vengono di seguito introdotti due concetti molto importanti: il tema degli sprechi alimentari ed il ruolo che le tecnologie alimentari possono giocare per la sicurezza alimentare a garanzia dei consumatori. Il terzo capitolo approfondisce le tematiche di EXPO 2015, sintetizzandole e analizzando due delle cosiddette legacy immateriali che l’Esposizione ci ha lasciato, da cui ripartire per raggiungere con maggiore determinazione l’obiettivo Fame Zero. In questo capitolo viene anche affrontato uno dei temi centrali, che cerca di definire un nuovo approccio per la food security e per un’agricoltura sostenibile, alla luce dei potenziali drammatici effetti del cambiamento climatico in atto. Il capitolo conclusivo affronta i temi della Sovranità Alimentare e del Diritto al Cibo e l’importante ruolo della sicurezza alimentare nell’assicurare la pace e la stabilità a livello internazionale. Il lavoro si chiude con un breve richiamo all’importante ruolo giocato dall’Italia nel contesto internazionale discusso.
The first chapter of the work is devoted to the definition of the concepts of respectively food security and food safety, making clear the difference in the meaning of the two English words that are translated with the same Italian word "sicurezza", while indicating the one the safe consumption of food, the second, instead, the concept which will mainly be deepened in the remaining part of the work: food security, which means ensuring every individual of the human species a correct and balanced nutrition. The discussion continues framing the food safety at first inside the Millennium goals and then in the framework of the new Sustainable Development Goals (SDG), unanimously adopted recently on September 27th 2015 by the United Nations. The second SDG affirms, in fact: zero hunger, achieve food security and improve nutrition and promote sustainable agriculture. The main international institutions hosted in Italy, dealing with the different aspects both of food safety and security. From the second chapter we go into the heart of the matter, discussing the so-called food security paradoxes, that, twenty years on from the World Food Summit of 1996, are still affecting the population, especially in the poorest countries, with serious consequences to the health of the people, but also on the peace and stability of these countries. Two important concepts are then introduced: the issue of food waste and the role that food technologies can play to raise the level of food safety ant to protect the consumers. The third chapter debates some of the main themes of EXPO 2015, synthesizing and analyzing two of the so-called immaterial legacies that the Exhibition left us, in order to fight with greater determination to achieve the goal Zero Hunger. This chapter also addresses one of the central themes, which seeks to define a new approach to food security and sustainable agriculture, because of the potential dramatic effects of climate change. The final chapter deals with the issues of food sovereignty and the right to food, and the important role of food security in ensuring peace and stability internationally. The work closes with a brief reference to the important role played by Italy in the international context discussed.
Sicurezza alimentare;Obiettivi di sviluppo sostenibile;Sovranità alimentare;Sprechi alimentari;Diritto al cibo;Lotta alla fame
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
RT-2016-18-ENEA.pdf

accesso aperto

Licenza: Creative commons
Dimensione 3.47 MB
Formato Adobe PDF
3.47 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/20.500.12079/6747
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
social impact