In the frame of a Project aiming at selecting substrates for second surface mirrors of space-telescopes, we present the scientific and technological issues addressed during irradiations of nano-hybrid polyimide films deposited on quartz with a ultraviolet (UV) dose of 3,000 space-equivalent Sun hours. In particular, we detail the calculation of the UV dose delivered by Sun, the calibration of the detectors, the spatial distribution of the UV radiation on samples, the remote control 24/24, 7/7 of both samples’ temperature and lamp radiation, the 'equivalent waveguide' effect of the vacuum chamber, the heat dissipation in air, in vacuum and in a helium atmosphere.

Presentiamo le tematiche scientifiche e tecnologiche affrontate durante l’irraggiamento di film poliimmide nano-ibridi con una dose di radiazione ultravioletta (uv) pari a 3.000 ore equivalenti di irraggiamento solare fuori dall’atmosfera terrestre, nell’ambito di un test per selezionare il materiale più adatto all’uso come substrato dei second surface mirrors nei telescopi spaziali. in particolare, discutiamo i dettagli relativi al calcolo della dose uv solare, alla taratura dei rivelatori, alla distribuzione spaziale dell’emissione uv della sorgente, all’effetto di ‘guida d’onda’ della camera da vuoto, alla dissipazione del calore in aria, in vuoto e in atmosfera controllata, al controllo remoto continuo (24 ore al giorno) sia della temperatura dei campioni, sia della radiazione della lampada.

Test di substrati per telescopi spaziali: irraggiamenti nell'ultravioletto di film poliimmide in aria, vuoto e atmosfera controllata

Mezi, Luca;Flora, Francesco;Bollanti, Sarah;Murra, Daniele;Di Lazzaro, Paolo
2017-04

Abstract

Presentiamo le tematiche scientifiche e tecnologiche affrontate durante l’irraggiamento di film poliimmide nano-ibridi con una dose di radiazione ultravioletta (uv) pari a 3.000 ore equivalenti di irraggiamento solare fuori dall’atmosfera terrestre, nell’ambito di un test per selezionare il materiale più adatto all’uso come substrato dei second surface mirrors nei telescopi spaziali. in particolare, discutiamo i dettagli relativi al calcolo della dose uv solare, alla taratura dei rivelatori, alla distribuzione spaziale dell’emissione uv della sorgente, all’effetto di ‘guida d’onda’ della camera da vuoto, alla dissipazione del calore in aria, in vuoto e in atmosfera controllata, al controllo remoto continuo (24 ore al giorno) sia della temperatura dei campioni, sia della radiazione della lampada.
In the frame of a Project aiming at selecting substrates for second surface mirrors of space-telescopes, we present the scientific and technological issues addressed during irradiations of nano-hybrid polyimide films deposited on quartz with a ultraviolet (UV) dose of 3,000 space-equivalent Sun hours. In particular, we detail the calculation of the UV dose delivered by Sun, the calibration of the detectors, the spatial distribution of the UV radiation on samples, the remote control 24/24, 7/7 of both samples’ temperature and lamp radiation, the 'equivalent waveguide' effect of the vacuum chamber, the heat dissipation in air, in vacuum and in a helium atmosphere.
Rivelatori;Ultravioletto;Dose;Dissipazione calore;Distribuzione spaziale radiazione
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
RT-2017-09-ENEA.pdf

accesso aperto

Licenza: Creative commons
Dimensione 4.7 MB
Formato Adobe PDF
4.7 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.12079/6777
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
social impact