Nel panorama internazionale, c'è un rinnovato interesse nello sviluppo e l'applicazione di codici per la radioprotezione finalizzati al calcolo della dose del rischio a individui e popolazioni per esposizione ad ambienti contaminati. Ciascuno di questi codici ha proprie peculiarità, propri punti di forza e propri limiti, che nell'insieme lo rendono adatto ad affrontare particolari situazioni. A partire dal 2003, l'Università di Bologna ha iniziato a sviluppare un proprio software di radioprotezione ambientai e, le cui release stabili vengono regolarmente pubblicate e rese disponibili dai database della NEA e del RSICC. Il GENIl-LIN è in grado di stimare dosi potenziali a individui e popolazioni da rilasci sia acuti che cronici di radionuclidi in ambiente e da contaminazione residua da attività di dismissione. Il GENIl-LIN è uno strumento di analisi maturo, che si è rivelato molto stabile e affidabile. Questo lo rende utilizzabile per la maggior parte delle installazioni nucleari, non ancora per i depositi di rifiuti nucleari, che possono avere impatti su scale di tempi molto più lunghe. Per conferire al codice questa capacità, sono allo studio i fenomeni che regolano il trasporto di contaminanti e la messa a punto di modelli per la descrizione dei processi di migrazione attraverso le barriere di contenimento.

Sviluppo di Codici e Strumenti di Simulazione Numerica per l'Analisi dell'Impatto Ambientale di Installazioni Nucleari per Analisi di Scenario

-
2011-09-16

Abstract

Nel panorama internazionale, c'è un rinnovato interesse nello sviluppo e l'applicazione di codici per la radioprotezione finalizzati al calcolo della dose del rischio a individui e popolazioni per esposizione ad ambienti contaminati. Ciascuno di questi codici ha proprie peculiarità, propri punti di forza e propri limiti, che nell'insieme lo rendono adatto ad affrontare particolari situazioni. A partire dal 2003, l'Università di Bologna ha iniziato a sviluppare un proprio software di radioprotezione ambientai e, le cui release stabili vengono regolarmente pubblicate e rese disponibili dai database della NEA e del RSICC. Il GENIl-LIN è in grado di stimare dosi potenziali a individui e popolazioni da rilasci sia acuti che cronici di radionuclidi in ambiente e da contaminazione residua da attività di dismissione. Il GENIl-LIN è uno strumento di analisi maturo, che si è rivelato molto stabile e affidabile. Questo lo rende utilizzabile per la maggior parte delle installazioni nucleari, non ancora per i depositi di rifiuti nucleari, che possono avere impatti su scale di tempi molto più lunghe. Per conferire al codice questa capacità, sono allo studio i fenomeni che regolano il trasporto di contaminanti e la messa a punto di modelli per la descrizione dei processi di migrazione attraverso le barriere di contenimento.
Rapporto tecnico;Trattamento e stoccaggio dei rifiuti radioattivi
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
RdS-2011-163 Frontespizio.pdf.pdf

accesso aperto

Licenza: Creative commons
Dimensione 198.2 kB
Formato Adobe PDF
198.2 kB Adobe PDF Visualizza/Apri
XCIRTEN-LP4-001.pdf

accesso aperto

Licenza: Creative commons
Dimensione 1.56 MB
Formato Adobe PDF
1.56 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.12079/7269
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
social impact