Nel corso di incidenti al reattore il combustibile nucleare può essere sottoposto ad un’ampia varietà di condizioni. Queste ultime sono di natura dinamica e, nel corso di un incidente, il combustibile potrebbe essere esposto a temperature variabili tra 600 e 2400°C, come pure ad ambienti che vanno da altamente ossidanti a debolmente riducenti. L’esposizione del combustibile nucleare a questi ambienti e temperature diverse influenza le modalità di rilascio dei prodotti di fissione. Questi ultimi vengono raggruppati, a fini pratici, in gruppi di prodotti, a seconda del loro comportamento in caso di incidente. Nel presente rapporto viene analizzato quanto accade a seguito del contatto diretto di alcune sostanze – derivanti dalla fissione del combustibile UO2 – con il refrigerante (piombo fuso) in un reattore a piombo. Le prove sperimentali evidenziano come, per le sostanze chimiche prese in esame (ossido di cerio, cloruro di cesio, antimonio metallico), non ci sia interazione di tipo chimico, e le stesse si limitino a “galleggiare” sul refrigerante liquido. Vengono anche formulate delle ipotesi su ciò che accadrebbe se si prendesse in esame l’ossido di uranio.

Analisi di fattibilità per prove di interazione chimica tra refrigerante e combustibile nei laboratori della Casaccia

Fedeli, Carlo;Abbate, Giulia;
2012

Abstract

Nel corso di incidenti al reattore il combustibile nucleare può essere sottoposto ad un’ampia varietà di condizioni. Queste ultime sono di natura dinamica e, nel corso di un incidente, il combustibile potrebbe essere esposto a temperature variabili tra 600 e 2400°C, come pure ad ambienti che vanno da altamente ossidanti a debolmente riducenti. L’esposizione del combustibile nucleare a questi ambienti e temperature diverse influenza le modalità di rilascio dei prodotti di fissione. Questi ultimi vengono raggruppati, a fini pratici, in gruppi di prodotti, a seconda del loro comportamento in caso di incidente. Nel presente rapporto viene analizzato quanto accade a seguito del contatto diretto di alcune sostanze – derivanti dalla fissione del combustibile UO2 – con il refrigerante (piombo fuso) in un reattore a piombo. Le prove sperimentali evidenziano come, per le sostanze chimiche prese in esame (ossido di cerio, cloruro di cesio, antimonio metallico), non ci sia interazione di tipo chimico, e le stesse si limitino a “galleggiare” sul refrigerante liquido. Vengono anche formulate delle ipotesi su ciò che accadrebbe se si prendesse in esame l’ossido di uranio.
Rapporto tecnico;Prodotti di fissione;Combustibile nucleare;Reattori nucleari veloci;Tecnologia del piombo
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
RdS-2012-066 Frontespizio.pdf

accesso aperto

Licenza: Creative commons
Dimensione 116.21 kB
Formato Adobe PDF
116.21 kB Adobe PDF Visualizza/Apri
NNFISS-LP3-052.pdf

accesso aperto

Licenza: Creative commons
Dimensione 2.58 MB
Formato Adobe PDF
2.58 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/20.500.12079/7434
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
social impact