Questo rapporto presenta l’attività teorica e sperimentale svolta presso il Dipartimento Energia del Politecnico di Torino nello sviluppo della modellazione di uno spool piece (SP) per la stima dei parametri caratteristici di un deflusso bifase sulla base delle caratteristiche dello SP, della procedura di prova e dei risultati ottenuti nel corso delle campagne sperimentali Il dispositivo preso in considerazione è costituito da un tubo di Venturi e dalla sonda ad impedenza sviluppata dalla SIET per la stima della frazione di vuoto. I deflussi di interesse sono quelli ad elevata frazione di vuoto con flow patterns che coinvolgono il moto anulare, il moto anulare – disperso, il moto stratificato. Per integrare la matrice sperimentale ottenuta dal POLITO nella precedente annualità con la sonda in configurazione verticale, è stata condotta una campagna sperimentale con la stessa montata in configurazione orizzontale composta di 30 prove sperimentali in regime di “wet gas” (grado di vuoto superiore al 95%). Sulla base della matrice completa si è applicato un approccio meccanicistico nella descrizione dei deflussi per la modellazione dello SP. Tale approccio ha portato alla stima “best estimate” delle portate delle singole fasi, con l’ausilio di modelli a zero D o al più monodimensionali e correlazioni semiempiriche atte a descrivere i fenomeni nella sezione di deflusso. I nuovi risultati sono presentati in questo documento insieme ai modelli di letteratura riformulati. L’insieme delle attività svolte sulla strumentazione speciale sono state brevemente riprese e discusse alla luce delle esigenze di modellazione ed interpretazione di risultati sperimentali o processi da realizzare con definiti vincoli.

Modellazione di uno Spool Piece per la Stima dei Parametri Caratteristici dei Deflussi Bifase

2014

Abstract

Questo rapporto presenta l’attività teorica e sperimentale svolta presso il Dipartimento Energia del Politecnico di Torino nello sviluppo della modellazione di uno spool piece (SP) per la stima dei parametri caratteristici di un deflusso bifase sulla base delle caratteristiche dello SP, della procedura di prova e dei risultati ottenuti nel corso delle campagne sperimentali Il dispositivo preso in considerazione è costituito da un tubo di Venturi e dalla sonda ad impedenza sviluppata dalla SIET per la stima della frazione di vuoto. I deflussi di interesse sono quelli ad elevata frazione di vuoto con flow patterns che coinvolgono il moto anulare, il moto anulare – disperso, il moto stratificato. Per integrare la matrice sperimentale ottenuta dal POLITO nella precedente annualità con la sonda in configurazione verticale, è stata condotta una campagna sperimentale con la stessa montata in configurazione orizzontale composta di 30 prove sperimentali in regime di “wet gas” (grado di vuoto superiore al 95%). Sulla base della matrice completa si è applicato un approccio meccanicistico nella descrizione dei deflussi per la modellazione dello SP. Tale approccio ha portato alla stima “best estimate” delle portate delle singole fasi, con l’ausilio di modelli a zero D o al più monodimensionali e correlazioni semiempiriche atte a descrivere i fenomeni nella sezione di deflusso. I nuovi risultati sono presentati in questo documento insieme ai modelli di letteratura riformulati. L’insieme delle attività svolte sulla strumentazione speciale sono state brevemente riprese e discusse alla luce delle esigenze di modellazione ed interpretazione di risultati sperimentali o processi da realizzare con definiti vincoli.
Rapporto tecnico;Reattori e sistemi innovativi;Sicurezza nucleare
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
ADPFISS-LP1-040.pdf

accesso aperto

Licenza: Creative commons
Dimensione 3.3 MB
Formato Adobe PDF
3.3 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/20.500.12079/7754
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
social impact