Si è proseguito il lavoro di integrazione della procedura di calcolo lineare con il codice Meccyco utilizzando i moduli di interfaccia verso il sistema modulare Eranos; cosa resa possibile dal fatto che i due sistemi sono stati sviluppati nello stesso ambiente software. Siccome il codice Meccyco risultava limitato a studi di evoluzione dei nuclidi per singolo step, si è sviluppato una procedura, denominata GMeccyco (Generalized Meccyco), che consente analisi dell’evoluzione, sempre lineari, multistep. Questa procedura è stata poi integrata con altre nuove che consentono di analizzare funzionali definiti nel campo lineare neutroni/nuclidi. La procedura risultante, denominata GPT-BU, implica la definizione di una variabile intensiva di controllo al fine assicurare che nel calcolo delle perturbazioni sia rispettato il vincolo della potenza nominale imposta. Sono proseguiti i test per la validazione della metodologia prendendo in considerazione vari funzionali di interesse quali: l’accumulo di nuclidi e di radionuclidi (LLFP), tassi di reazione e fluenza a fine ciclo, controllo (reattività) residua . Tutte le prove hanno dato risultati positivi, con precisione dei calcoli HGPT-BU vs. calcoli diretti dell’ordine del 1-8%.

Implementazione del codice ERANOS per l’analisi perturbativa e di sensitività nel campo non lineare neutroni/nuclidi

Peluso, Vincenzo
2015

Abstract

Si è proseguito il lavoro di integrazione della procedura di calcolo lineare con il codice Meccyco utilizzando i moduli di interfaccia verso il sistema modulare Eranos; cosa resa possibile dal fatto che i due sistemi sono stati sviluppati nello stesso ambiente software. Siccome il codice Meccyco risultava limitato a studi di evoluzione dei nuclidi per singolo step, si è sviluppato una procedura, denominata GMeccyco (Generalized Meccyco), che consente analisi dell’evoluzione, sempre lineari, multistep. Questa procedura è stata poi integrata con altre nuove che consentono di analizzare funzionali definiti nel campo lineare neutroni/nuclidi. La procedura risultante, denominata GPT-BU, implica la definizione di una variabile intensiva di controllo al fine assicurare che nel calcolo delle perturbazioni sia rispettato il vincolo della potenza nominale imposta. Sono proseguiti i test per la validazione della metodologia prendendo in considerazione vari funzionali di interesse quali: l’accumulo di nuclidi e di radionuclidi (LLFP), tassi di reazione e fluenza a fine ciclo, controllo (reattività) residua . Tutte le prove hanno dato risultati positivi, con precisione dei calcoli HGPT-BU vs. calcoli diretti dell’ordine del 1-8%.
Reattori di ricerca;Generation IV reactors;Rapporto tecnico;Neutronica
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
ADPFISS-LP2-084.pdf

accesso aperto

Licenza: Creative commons
Dimensione 1.68 MB
Formato Adobe PDF
1.68 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/20.500.12079/7838
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
social impact