Oggetto di questo task è il proseguimento dello sviluppo e della caratterizzazione di rivestimenti di allumina (Al2O3), prodotti mediante ablazione laser e destinati a svolgere la funzione di barriera anticorrosiva nei sistemi nucleari a fissione di quarta generazione che utilizzano come termovettore metalli liquidi pesanti, in particolare Pb o l’eutettico Pb-Bi. Le prove di corrosione in piombo stagnante in condizioni “dissolutive” (550 °C per 4000 ore) hanno mostrato il permanere delle buone proprietà protettive dei rivestimenti di allumina. Particolari campioni in geometria piana sono stati irraggiati con ioni, fino a dosi anche molto elevate, mostrando una progressiva cristallizzazione dei rivestimenti di allumina. Inoltre alcuni campioni irraggiati sono stati sottoposti a prove di corrosione in piombo stagnante a 550 °C per 1000 ore, analoghe alle prove di 4000 ore cui sono stati sottoposti i campioni ‘as deposited’, ottenendo risultati analoghi ai primi e mostrando quindi che l’irraggiamento non pregiudica le buone proprietà protettive dei rivestimenti di allumina. Al fine di valutare gli sforzi all’interfaccia che determinano l’integrità dei rivestimenti, è stato realizzato, collaudato e validato un apparato per la misura degli sforzi residui e del coefficiente di dilatazione termica di film sottili supportati. L’apparato costituisce un’implementazione ottica dello storico metodo di Stoney basato sulla curvatura indotta in un sistema substrato/film dagli sforzi presenti nel film.

Sviluppo di ricoperture per la protezione di materiali strutturali operanti in sistemi nucleari refrigerati a piombo mediante tecniche di ablazione laser

2017

Abstract

Oggetto di questo task è il proseguimento dello sviluppo e della caratterizzazione di rivestimenti di allumina (Al2O3), prodotti mediante ablazione laser e destinati a svolgere la funzione di barriera anticorrosiva nei sistemi nucleari a fissione di quarta generazione che utilizzano come termovettore metalli liquidi pesanti, in particolare Pb o l’eutettico Pb-Bi. Le prove di corrosione in piombo stagnante in condizioni “dissolutive” (550 °C per 4000 ore) hanno mostrato il permanere delle buone proprietà protettive dei rivestimenti di allumina. Particolari campioni in geometria piana sono stati irraggiati con ioni, fino a dosi anche molto elevate, mostrando una progressiva cristallizzazione dei rivestimenti di allumina. Inoltre alcuni campioni irraggiati sono stati sottoposti a prove di corrosione in piombo stagnante a 550 °C per 1000 ore, analoghe alle prove di 4000 ore cui sono stati sottoposti i campioni ‘as deposited’, ottenendo risultati analoghi ai primi e mostrando quindi che l’irraggiamento non pregiudica le buone proprietà protettive dei rivestimenti di allumina. Al fine di valutare gli sforzi all’interfaccia che determinano l’integrità dei rivestimenti, è stato realizzato, collaudato e validato un apparato per la misura degli sforzi residui e del coefficiente di dilatazione termica di film sottili supportati. L’apparato costituisce un’implementazione ottica dello storico metodo di Stoney basato sulla curvatura indotta in un sistema substrato/film dagli sforzi presenti nel film.
Rapporto tecnico;Generation IV reactors;Tecnologia dei metalli liquidi;Caratterizzazione dei materiali
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
ADPFISS-LP2-145.pdf

accesso aperto

Licenza: Creative commons
Dimensione 1.75 MB
Formato Adobe PDF
1.75 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/20.500.12079/8022
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
social impact