Nell'ambito del PAR2017 dell'Accordo di Programma MiSE-ENEA, ENEA ha commissionato a SIET la ripetizione di una serie di test, già eseguiti nel PAR2015, in circuito chiuso e circolazione naturale, ma con tempi di stazionario più lunghi, da effettuare sulla facility a 2 tubi a baionetta HERO-2, allo scopo di ridurre le incertezze sulla valutazione sulle dispersioni termiche nel circuito. Per questo è stata predisposta una strumentazione supplementare (es. flussimetro a ultrasuoni per misura delle portate, etc.). Inoltre, è stato richiesto di effettuare test di transitorio di startup della circolazione naturale che hanno richiesto l’installazione di valvole rapide per la commutazione da circuito aperto a chiuso, in caso di eventi incidentali. I test ripetuti hanno evidenziato comportamenti analoghi a quelli già riscontrati nel PAR2015, pur con una minore dispersione dei dati e i test di caratterizzazione dell’impianto hanno permesso di ridurre le incertezze dei bilanci energetici tra le diverse parti del circuito e l’esterno. I transitori di intervento del sistema di rimozione del calore, realizzati con le valvole rapide, hanno evidenziato un andamento regolare dei transitori ed una evoluzione verso condizioni di circolazione naturale stabili, e comparabili con quelle realizzate negli stazionari a circuito chiuso. Questo supplemento di indagine sperimentale serve per approfondire la validazione dei modelli di calcolo, sviluppo di codici termoidraulici e per una migliore valutazione delle performance di uno scambiatore a baionetta per la rimozione del calore di decadimento in condizioni rappresentative di un reattore SMR ad acqua pressurizzata.

Prove sperimentali sulla sezione di prova HERO-2 per approfondire la conoscenza del comportamento di un sistema passivo con scambiatore a baionetta per la rimozione del calore di decadimento in circolazione naturale, anche in regime transitorio

-
2018-11-23

Abstract

Nell'ambito del PAR2017 dell'Accordo di Programma MiSE-ENEA, ENEA ha commissionato a SIET la ripetizione di una serie di test, già eseguiti nel PAR2015, in circuito chiuso e circolazione naturale, ma con tempi di stazionario più lunghi, da effettuare sulla facility a 2 tubi a baionetta HERO-2, allo scopo di ridurre le incertezze sulla valutazione sulle dispersioni termiche nel circuito. Per questo è stata predisposta una strumentazione supplementare (es. flussimetro a ultrasuoni per misura delle portate, etc.). Inoltre, è stato richiesto di effettuare test di transitorio di startup della circolazione naturale che hanno richiesto l’installazione di valvole rapide per la commutazione da circuito aperto a chiuso, in caso di eventi incidentali. I test ripetuti hanno evidenziato comportamenti analoghi a quelli già riscontrati nel PAR2015, pur con una minore dispersione dei dati e i test di caratterizzazione dell’impianto hanno permesso di ridurre le incertezze dei bilanci energetici tra le diverse parti del circuito e l’esterno. I transitori di intervento del sistema di rimozione del calore, realizzati con le valvole rapide, hanno evidenziato un andamento regolare dei transitori ed una evoluzione verso condizioni di circolazione naturale stabili, e comparabili con quelle realizzate negli stazionari a circuito chiuso. Questo supplemento di indagine sperimentale serve per approfondire la validazione dei modelli di calcolo, sviluppo di codici termoidraulici e per una migliore valutazione delle performance di uno scambiatore a baionetta per la rimozione del calore di decadimento in condizioni rappresentative di un reattore SMR ad acqua pressurizzata.
Termoidraulica dei reattori nucleari;Reattori e sistemi innovativi;Trasmissione del calore;Rapporto tecnico;Sicurezza nucleare
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
ADPFISS-LP1-116.pdf

accesso aperto

Licenza: Creative commons
Dimensione 5.19 MB
Formato Adobe PDF
5.19 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.12079/8061
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
social impact