Terremoto: subito dopo mea culpa e solenni promesse, poi l'oblio (fino alla scossa successiva)