ll lavoro svolto ha riguardato le problematiche dell’interazione tra i gas di fissione e il refrigerante (Piombo) di un reattore LFR. Con riferimento al progetto di una apparecchiatura sperimentale per lo studio della stessa problematica svolta nel precedente PAR 2011, si è brevemente rivisto il progetto considerando gli studi ed i risultati emersi nel progetto Europeo FBRIDGE. E’ emerso come l’utilizzo della spettrometria di miscele gassose generate da processi di desorbimento termico consente di acquisire dati di rilascio anche su quantità molto piccole e significative ai fini dell’analisi e dell’interpretazione dei meccanismi di rilascio e trasporto di prodotti di fissione. L’analisi delle caratteristiche del combustibile nucleare di riferimento per i reattori LFR (MOX) ha messo in evidenza l’importanza dei problemi di ridistribuzione del plutonio nelle pastiglie così come dell’ossigeno, del cesio e dello iodio. In appendice viene inoltre presentata l’attività sperimentale svolta sull’impianto OGATA (Off-GAs Treatment Apparatus) per lo studio delle interazioni tra prodotti di fissione volatili e refrigerante in un reattore LFR (piombo fuso), e della successiva “cattura” delle sostanze medesime per mezzo di adeguate “trappole”. Viene descritto nel dettaglio l’impianto modulare allestito presso il Centro Casaccia dell’ENEA, con tutti i suoi componenti, e vengono presentati i primi risultati degli esperimenti effettuati con cloruro di cesio.

Studio delle interazioni tra gas di fissione e refrigerante in un reattore LFR

Tiranti, Giuliano;Marzo, Giuseppe Augusto;Capone, Mauro;Calvigioni, Roberto;Fedeli, Carlo;
2013

Abstract

ll lavoro svolto ha riguardato le problematiche dell’interazione tra i gas di fissione e il refrigerante (Piombo) di un reattore LFR. Con riferimento al progetto di una apparecchiatura sperimentale per lo studio della stessa problematica svolta nel precedente PAR 2011, si è brevemente rivisto il progetto considerando gli studi ed i risultati emersi nel progetto Europeo FBRIDGE. E’ emerso come l’utilizzo della spettrometria di miscele gassose generate da processi di desorbimento termico consente di acquisire dati di rilascio anche su quantità molto piccole e significative ai fini dell’analisi e dell’interpretazione dei meccanismi di rilascio e trasporto di prodotti di fissione. L’analisi delle caratteristiche del combustibile nucleare di riferimento per i reattori LFR (MOX) ha messo in evidenza l’importanza dei problemi di ridistribuzione del plutonio nelle pastiglie così come dell’ossigeno, del cesio e dello iodio. In appendice viene inoltre presentata l’attività sperimentale svolta sull’impianto OGATA (Off-GAs Treatment Apparatus) per lo studio delle interazioni tra prodotti di fissione volatili e refrigerante in un reattore LFR (piombo fuso), e della successiva “cattura” delle sostanze medesime per mezzo di adeguate “trappole”. Viene descritto nel dettaglio l’impianto modulare allestito presso il Centro Casaccia dell’ENEA, con tutti i suoi componenti, e vengono presentati i primi risultati degli esperimenti effettuati con cloruro di cesio.
Rapporto tecnico;Tecnologia dei metalli liquidi;Tecnologia del piombo;Combustibile nucleare
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Rds-2013-033.pdf

accesso aperto

Licenza: Creative commons
Dimensione 4.77 MB
Formato Adobe PDF
4.77 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/20.500.12079/7647
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
social impact